quo vadis

Aria di secessione per il Veneto? O richiesta di uno Statuto speciale? Intanto qualche altro è pronto a rifarsi la bocca!

Venti di secessione in Veneto? Più probabilmente, la Lega, maggioritaria nel Consiglio Regionale (il governatore è Luca Zaia, della Lega, appunto), vorrebbe non tanto la secessione, difficile anche a livello costituzionale, quanto uno Statuto di Autonomia come quello dell'Alto Adige e del Trentino (la regione Trentino-Alto Adige è ormai più che altro un ricordo, un'espressione platonica, dove comunque quasi tutti i/le Sudtirolesi sostengono il "Los von Trient"): id est che i soldi prodotti in Veneto vi restino, senza andare a finire a Roma...

Sembra che si propenda per il referendum (election day con quello per o contro la riforma costituzionale o in altra data) ma che si possa decidere in alternativa di aprire una trattativa con il governo romano per uno statuto speciale.

E' chiaro che la secessione, da un lato, sarebbe una dimostrazione del fallimento dei governi di centrodestra e centrosinistra (ma soprattutto di quest'ultimo, sempre contrario anche in teoria, nonostante qualche "abbozzamento" tattico) nella (non) realizzazione del federalismo ma, dall'altro, potrebbe indurre i "puri e duri" tra i/le Sudtirolesi a chiedere tout court la secessione per sopravanzare le istanze venete, comunque riconducibili all'Italia ("Mir soan koane Wolschen", in dialetto, ossia "non siamo Italiani"). In questo caso conterebbe però la forza effettiva, in campo, di queste forze decisamente "centrifughe", dove conterebbero a fortiori considerazioni economiche: il gioco del "Los von Rom" totale varrebbe la candela, insomma? Sarà/sarebbe (anche perché i tempi non saranno brevi, comunque) una partita difficile e soprattutto complessa.

Eugen Galasso

Last modified onLunedì, 26 Settembre 2016 21:08