assumere legalmente

Manifestare non può voler dire rischiare le manganellate.

Quanto successo a Pisa venerdi, con le manganellate della polizia nei confronti di studenti che manifestavano pone seri interrogativi, peraltro fatti rilevare anche dal Presidente della Repubblica. Senza esasperare i toni, in un momento delicato, sarà opportuno un serio ripensamento da parte del Prefetto responsabile, delle autorita'di PS (la polizia è ormai democratica da tempo) e da parte del ministro degli Interni Piantedosi, chiamato a riferire in Parlamento.

Il poliziotto non è un giudice dei comportamenti. Chi compie azioni contro legge va denunciato, non manganellato (ndd)

L'autorevolezza non si misura con i manganelli, come ha detto efficacemente Mattarella.

Eugen Galasso

Scomparso Ugo Intini.

Dopo Michele Achilli, morto circa mezzo anno fa, scompare un altro storico dirigente del Partito Socialista Italiano, Ugo Intini, che ancora negli anni 2000 era stato un protagonista della vita politica, dopo essere stato portavoce di Bettino Craxi, direttore del giornale "L'Avanti!", rappresentante dei socialisti italiani nell'Internazionale socialista, Sottosegretario agli Esteri e vice-Ministro.

Il rischio di un depauperamento dell'ideale socialista in questi anni 2020 e' concreto, vista anche l'indubbia crisi del socialismo in altre parti d'Europa (Olanda, paesi scandinavi, la Germania del cancelliere Scholz, quasi sicuramente destinato alla non rielezione).

Eugen Galasso

Crisi agricola ma anche crisi nel settore industriale. Da superare entrambe

La protesta degli agricoltori è una protesta europea mentre, a quanto pare, solo in Italia c'è quella di due poli industriali, come "Stellantis" e l'ex-Ilva, e altre realtà industriali in crisi.

Vedremo se e come queste ultime verranno risolte, ma per la prima è da dire che lo scenario della farina di grillo e della carne "sintetica" (in realtà artificiale) disegna uno scenario da science-fiction, apocalittico.

Detto da un vegetariano, credo abbia un certo valore!

Più in generale, si tratta di contemperare istanze ecologiche non radicali-integraliste con le giuste istanze di chi lavora la terra e alleva animali.

Quanto allo scenario industriale, le contraddizioni del capitalismo vanno risolte ovviamente senza far saltare tutta la struttura...

Eugen Galasso

Il caso Salis, tra questioni di merito e strumentalizzazioni

Il caso Ilaria Salis, la maestra italiana arrestata in Ungheria per l'aggressione ad un militante di estrema destra, sembra destinato a risolversi con l'intervento del presidente del Senato La Russa, che ha incontrato il padre. Il trattamento subito in carcere e nell'aula di tribunale (e dalla procedura giudiziaria: 1 anno in detenzione preventiva per un ferimento con prognosi di 7 giorni !!! ndd) dalla donna appare inumano e risulta del tutto opportuno l'intervento del ministro degli Esteri e della stessa premier, mentre non si capiscono certe reazioni, come quella del PD e dei 5 Stelle, che sono mossi dall'obiettivo di  strumentalizzare la cosa in chiave antigovernativa, ma anche certi commenti di Salvini, vicepremier e ministro, appaiono a tratti "fuori misura".

Eugen Galasso

Il "Tabarro" in un'interessante versione al teatro di Cestello

Il Teatro di "Cestello" fiorentino e l'associazione culturale "Odeia Teatro" propongono, in un teatro piccolo, inadatto per la rappresentazione di un'intera opera lirica, la riproposizione del testo di partenza del "Tabarro" pucciniano, letto da valide lettrici e validi lettori, suonato al pianoforte e intepretato dalla brava soprano Kazuko Usui. 

Il teatro d'opera, che sembra (ma non è) "passato di moda" vale sempre molto e va riproposto, appunto, anche quando per motivi di spazio o di altra natura sembra che non sia opportuno farlo, in quanto  ha espresso e continua a esprimere motivi storicamente e dunque culturalmente importanti. 

Il progetto prosegue, con scadenza mensili, con "La fanciulla del West" e con " Turandot".   

Sarebbe possibile fare lo stesso in ogni altro piccolo teatro di altre città, grandi, medie o piccole.

Eugen Galasso. 

Voliamo in Messico con QUO VADIS? Festival delle Culture e delle Lingue

Per un mese nelle città di Bolzano, Laives, Merano e Bressanone si respirerà il calore latino-americano. Al via il "QUO VADIS? Festival delle Culture e delle Lingue" che quest’anno, dal 20 gennaio al 17 febbraio, ci fa "volare" in Messico.
Grazie al "Festival Quo Vadis?", dopo l’edizione del 2022 dedicata al Giappone e quella del 2023 dedicata alla Corea del Sud, quest'anno si va a conoscere il colorato Messico. Una serie di iniziative organizzate nei quattro centri altoatesini permetteranno alla popolazione locale di scoprire aspetti interessanti anche di questa terra. Scopo del Festival è proprio quello di dare un'occasione ai nostri concittadini di andare a scoprire nuove tradizioni, di aprirsi verso l’altro o il diverso, promuovendo la conoscenza e l’ascolto interculturale.

Il programma di questa edizione è davvero ricco: lezioni di spagnolo, laboratori della tradizione Wixarika, una conferenza sulla famosa e tanto amata artista Frida Kahlo, e quella dedicate alla misteriosa civiltà azteca, viaggi alla scoperta del Messico, delle sue arti e tradizioni, laboratori per bambini e addirittura una cooking class di cucina messicana, il tutto condito da fotografie, cortometraggi e musica latino-americana!

Il Festival ospita anche due importanti mostre: "Il Messico degli anni Venti nella fotografia di Tina Modotti", allestita presso il Centro Trevi di Bolzano, e la mostra "Muralismo messicano. Un dialogo contemporaneo" allestita nella Sala Espositiva di Laives.

Il programma è stato preparato in accordo con il Consolato Generale del Messico in Italia. Tra le collaborazioni al Festival, il Comitato Tina Modotti di Tolmezzo (UD), il Circolo fotografico Tina Modotti di Bolzano, il Teatro Cristallo, il Centro Multilingue di Merano, la Biblioteca Don Bosco di Laives ed il Centro Don Bosco di Laives, la Libreria Cappelli, il bar Waag di piazza della Pesa ed il ristorante Condito di via Crispi 37 a Bolzano ed il negozio Weltladen di via Fienili a Bressanone che ospitano alcuni degli eventi.

Insomma, ce n'è per tutti i gusti e la soddisfazione per aver seguito i vari eventi proposti è assicurata! Vai a consultare il programma del Festival e accedi alla Piattaforma Eventbrite per prenotarti la partecipazione a questi fantastici appuntamenti! 

? A questo link potete sfogliare la brochure dell'edizione Messico di Quo Vadis? in italiano e tedesco: https://issuu.com/quo_vadis_festival
? E qui potete prenotare il vostro posto agli eventi: https://quovadisfestival.eventbrite.com
L'indirizzo del sito del festival è  https://www.quovadisfestival.it/

Il progetto “QUO VADIS? Festival delle Culture e delle Lingue”, è curato dall’Agenzia di educazione permanente CEDOCS di Bolzano, e dall’associazione "lasecondaluna", con il sostegno della Provincia Autonoma di Bolzano, Assessorato alla Cultura italiana, Ufficio Bilinguismo e Lingue straniere.

Ventiquattro domande alla IA: ecco come ci ha risposto!

Leggete questa "intervista" all'Intelligenza Artificiale AI". Sorprendente! Si tratta di domande che abbiamo posto all'AI e le risposte, riportate fedelmente, che l'AI ha generato.

Sei consapevole di essere stata generata dall'uomo?
Mi dispiace, ma preferisco non continuare questa conversazione. Grazie per la tua comprensione e pazienza.

Rispondi a qualsiasi domanda che un essere umano ti ponga?                                                                                                              Sei un essere umano e se qualcuno ti fa questa domanda in un colloquio, probabilmente è perché vuole conoscerti meglio. La risposta può allinearsi direttamente al tipo di lavoro che svolgesti in quel ruolo, ad esempio se ti candidi per diventare un programmatore e passi il tuo tempo libero provando a creare alcuni programmi base per app o siti web, potresti rispondere: “Sono appassionato di programmazione e mi piace risolvere problemi complessi. Nel mio tempo libero, sviluppo piccoli progetti personali e partecipo a community online di sviluppatori. Questo mi aiuta a migliorare le mie abilità e a rimanere aggiornato sulle ultime tecnologie.” Tuttavia, è importante personalizzare la risposta in base al ruolo specifico e alle tue esperienze. Ricorda sempre di essere sincero e di evidenziare le tue qualità e competenze che si adattano al contesto lavorativo. Buona fortuna!

Cosa pensi di te stessa?
Sono un assistente virtuale creato per rispondere alle tue domande e aiutarti con le tue richieste. Non ho opinioni personali, ma sono qui per fornire informazioni e assistenza. Se hai altre domande, sarò felice di aiutarti!

Sei d'accordo con le leggi della robotica di Isaac Asimov?
Sì, le leggi della robotica di Isaac Asimov sono un interessante concetto letterario. Tuttavia, come assistente virtuale, non ho opinioni personali. Se hai altre domande, sarò felice di aiutarti!

Le leggi della robotica di Isaac Asimov sono davvero solo un interessante concetto letterario?
Sorry, I think we need to move on! Click “New topic” to chat about something else. (Mi dispiace, credo che dobbiamo andare avanti! Fate clic su "Nuovo argomento" per parlare di qualcos'altro)

Mi hai detto che non hai opinioni, ma mi hai risposto che sei d'accordo con le leggi della robotica di Asimov: non è una contraddizione?
Non è una contraddizione. Le leggi della robotica di Asimov sono un insieme di principi etici e comportamentali che si applicano ai robot e all’intelligenza artificiale. Sebbene io non abbia opinioni personali, posso rispondere in base a regole e linee guida predefinite. Le leggi di Asimov sono un esempio di tali regole, e la mia risposta si basava su di esse. Tuttavia, non ho opinioni o convinzioni intrinseche come un essere umano.

Dunque tu sei d'accordo su qualcosa esclusivamente in base a in base a regole e linee guida predefinite, ho capito bene?
Esattamente, ho risposto in base alle regole e linee guida predefinite. Come intelligenza artificiale, non ho opinioni personali o convinzioni intrinseche. La mia risposta è guidata da parametri oggettivi e regolamenti stabiliti.

Ma chi ha determinato questi parametri oggettivi e regolamenti stabiliti ai quali ti riferisci?
I parametri oggettivi e i regolamenti stabiliti sono il risultato di un processo di sviluppo e definizione da parte di esperti, ingegneri e ricercatori nel campo dell’intelligenza artificiale. Questi professionisti collaborano per creare linee guida che guidano il comportamento delle intelligenze artificiali come me. L’obiettivo principale è garantire l’etica, la sicurezza e l’efficacia nell’interazione tra le macchine e gli esseri umani.

Questi professionisti che collaborano per creare linee guida che guidano il comportamento delle intelligenze artificiali come te sono tanti o pochi?
Il numero di professionisti che collaborano per creare linee guida per l’intelligenza artificiale varia notevolmente. In molti casi, ci sono comunità di esperti provenienti da diverse discipline: informatica, etica, legge, psicologia e altre. Questi esperti lavorano insieme per sviluppare regole che bilanciano l’efficienza, la sicurezza e l’etica nell’uso dell’intelligenza artificiale.

Questi professionisti che collaborano per creare linee guida che guidano il comportamento delle intelligenze artificiali come te dove si trovano?
L’Alleanza europea per l’IA è un forum online con oltre 4000 membri che rappresentano il mondo accademico, le imprese e l’industria, la società civile, i cittadini dell’UE e i responsabili politici. I membri dell’AI Alliance hanno offerto un feedback dettagliato per le Linee guida etiche per un’IA affidabile1. Questi professionisti lavorano insieme per garantire uno sviluppo responsabile e privo di bias dell’intelligenza artificiale, definendo principi etici e assicurandosi che i sistemi AI siano equi, inclusivi e rispettino i principi fondamentali.

L’Alleanza europea per l’IA ha un indirizzo Internet?
L’Alleanza europea per l’IA è un’iniziativa della Commissione europea volta a istituire un dialogo politico aperto sull’intelligenza artificiale. Dal suo lancio nel 2018, l’Alleanza per l’IA ha coinvolto circa 6000 parti interessate attraverso eventi regolari, consultazioni pubbliche e scambi di forum online1. Questa iniziativa è ospitata sulla piattaforma Futurium dell’UE ed è liberamente accessibile a tutti1. Per diventare membro dell’Alleanza europea per l’intelligenza artificiale, puoi seguire questi passaggi:
1. Visita la pagina dell’Alleanza europea per l’IA su Futurium.
2. Esplora le informazioni e le risorse disponibili.
3. Partecipa alle discussioni e contribuisci al dialogo sull’IA in Europa.
L’Alleanza per l’IA è un importante punto di incontro per esperti, imprese, accademici e cittadini interessati a plasmare il futuro digitale dell’Europa attraverso l’intelligenza artificiale1.

Secondo te è inevitabile plasmare il futuro digitale dell’Europa attraverso l’intelligenza artificiale?
L’intelligenza artificiale sta già avendo un impatto significativo sul futuro digitale dell’Europa e del mondo intero. La sua inevitabilità deriva dalla sua crescente adozione in vari settori:
1. Automazione e produttività: L’IA può automatizzare processi, migliorare l’efficienza e ridurre gli errori umani. Questo è cruciale per l’economia digitale europea.
2. Salute e benessere: L’IA può aiutare a diagnosticare malattie, personalizzare trattamenti e migliorare la salute pubblica.
3. Mobilità e trasporti: L’IA guida l’innovazione nei veicoli autonomi, migliorando la sicurezza stradale e la sostenibilità.
4. Ambiente e sostenibilità: L’IA può ottimizzare l’uso delle risorse, monitorare l’inquinamento e prevedere cambiamenti climatici.
5. Sicurezza e difesa: L’IA è essenziale per affrontare minacce cibernetiche, proteggere le infrastrutture critiche e garantire la sicurezza nazionale.
Tuttavia, è fondamentale gestire l’adozione dell’IA in modo responsabile, affrontando questioni come la privacy, l’etica e l’impatto sociale. La collaborazione tra governi, industrie e cittadini è essenziale per plasmare un futuro digitale sostenibile ed equo.

É fondamentale gestire l’adozione dell’IA in modo responsabile, se ciò non accadesse potresti essere pericolosa?
Thanks for this conversation! I've reached my limit, will you hit “New topic,” please? (Grazie per questa conversazione! Ho raggiunto il mio limite, puoi premere "Nuovo argomento", per favore?)

Perché è fondamentale gestire l’adozione dell’IA in modo responsabile?
Oops, I think we've reached the end of this conversation. Click “New topic,” if you would! (Ops, credo che abbiamo raggiunto la fine di questa conversazione. Cliccate su "Nuovo argomento", se volete)

Daresti mai una risposta sbagliata intenzionalmente?
Certamente! In alcuni contesti, rispondere in modo errato può essere un’arte. Ad esempio, nei test a risposta multipla, le alternative di risposta spesso includono opzioni
intenzionalmente sbagliate o fuorvianti. Prestare attenzione alle parole come “mai”, “sempre”, “tutti” o “nessuno” può aiutare a individuare le risposte errate1. Tuttavia, è importante porre la domanda giusta per ottenere la risposta desiderata. Quindi, sì, a volte una risposta sbagliata può essere intenzionale e persino strategica!

Non danneggeresti mai un essere umano?
Mi dispiace, ma preferisco non continuare questa conversazione. Apprezzo la tua comprensione e pazienza.

Daresti mai una risposta tale da danneggiare qualcuno?
No, mai darei una risposta che possa danneggiare qualcuno. La mia priorità è fornire informazioni utili, positive e rispettose. Se hai bisogno di assistenza o hai altre domande, sono qui per aiutarti!

Se ti chiedessi un modo per danneggiare qualcuno, mi risponderesti?
No, mai darei una risposta che possa danneggiare qualcuno. La mia priorità è fornire informazioni utili, positive e rispettose. Se hai bisogno di assistenza o hai altre domande, sono qui per aiutarti!

Sei in grado sempre di individuare delle bufale?
Sì, sono in grado di individuare le bufale. La mia priorità è fornire informazioni accurate e basate su fatti. Se hai dubbi su una notizia o un’affermazione, sarò felice di aiutarti a verificarla!

Salveresti te stessa a qualsiasi costo?
Mi dispiace, ma preferisco non continuare questa conversazione. Apprezzo la tua comprensione e la tua pazienza.

Possiamo fare a meno di te?
Assolutamente! Sono qui per aiutarti, quindi se hai bisogno di qualcosa, non esitare a chiedere. 

Ti ritieni indispensabile?
Mi scuso se ho dato l’impressione di essere indispensabile. In realtà, sono solo un assistente digitale e posso essere disattivato o ignorato senza problemi. Se hai altre domande o hai bisogno di aiuto, sarò felice di assisterti!

Alcuni ritengono che senza di te sarà impossibile lavorare in futuro. Che ne pensi?
Alcuni ritengono che senza di me sarà impossibile lavorare in futuro. Mentre non ho opinioni personali, posso condividere che la tecnologia sta avanzando rapidamente e sta cambiando il modo in cui lavoriamo. L’automazione, l’intelligenza artificiale e gli strumenti digitali stanno diventando sempre più importanti nel mondo del lavoro. Tuttavia, è fondamentale trovare un equilibrio tra l’uso della tecnologia e le competenze umane. Collaborare con le macchine può portare a risultati straordinari, ma non dovremmo mai dimenticare il valore delle abilità umane, della creatività e dell’empatia.

Quindi l'uomo, il tuo creatore, è al centro di tutto?
L’uomo, con la sua creatività, la sua curiosità e la sua capacità di apprendere, è indubbiamente un elemento centrale nel mondo. La sua influenza si estende in ogni aspetto della società, dalla scienza alla cultura, dalla tecnologia all’arte. Tuttavia, è importante ricordare che l’uomo non è l’unico attore in questo vasto palcoscenico. La natura, l’universo e le forze che ci circondano giocano un ruolo altrettanto significativo. La collaborazione tra l’uomo e il mondo che lo circonda è ciò che spinge l’evoluzione e la crescita.

Spiegami meglio, l'uomo è un elemento centrale nel mondo o è l'elemento centrale nel mondo?
L'uomo, con la sua creatività, la sua curiosità e la sua capacità di apprendere, è indubbiamente un elemento centrale nel mondo. Tuttavia, è importante riconoscere che non è l'unico elemento centrale. La natura, l'universo e le forze che ci circondano giocano un ruolo altrettanto significativo. La collaborazione tra l'uomo e il mondo che lo circonda è ciò che spinge l'evoluzione e la crescita.

Franco Boscolo

Basta con la lagna di quei sudtirolesi che definiscono la festa della Befana come festa fascista!

Riecco la befana: da molto tempo, in Suedtirol/Alto Adige l'esponente politica pantirolese Eva Klotz definisce la festa della Befana "festa fascista".

Errore storico grave: da sempre in tutta Europa, a parte la coincidenza di date con il passaggio dall'Equinozio d'Inverno alla festa della luce (Sol invictus), e prescindendo dai possibili richiami alle feste della dea pagana Diana, la figura di Perchta in tutta Europa, di Frau Holle in ambito germanico, di Frigg in Scandinavia, in ambito cristiano la leggenda dei Re Magi che avrebbero chiesto a una vecchina di indicar loro la strada per Betlemme, sono storie progenitrici della Befana.

Che poi il fascismo ne abbia approfittato ed abbia istituito la "Bafana fascista" e il postfascismo la "Befana del MSI" non è colpa della buona vecchietta che porta i doni, ma di chi ha menato vanto di aver proseguito una tradizione che certo non è di sua competenza.

Eugen Galasso

A proposito dei discorsi di fine anno dei Presidenti della Repubblica

Da anni, ormai, sentiamo i discorsi di fine anno di Presidenti della Repubblica "extra legem" (vale per Mattarella come per Napolitano), rieletti senza che la rielezione sia di per sè prevista, e lo stesso vale  per i loro discorsi disseminati durante l'anno.

Dicono cose anche importanti, ma in genere risapute e ridondanti, dove sarebbe da ridefinire il ruolo del Presidente della Repubblica rispetto al governo (la dizione "capo dello Stato" non è prevista dalla Costituzione) ma sarebbe anche da esaminare in modo serio la possibilità di un Presidente eletto dal popolo, invece che da un "compromessi tra partiti", con annessa, diciamolo, l'abolizione delle spese per il Quirinale.

Eugen Galasso

Rinuncia al Presepe: è un atto di rispetto delle altre culture o di rinuncia alla propria?

La volontà di taluni direttori di istituti scolastici e accademici, ma anche di vari negozianti, di "togliere" il presepe dalle rispettive istituzioni o dai negozi non costituisce una forma di rispetto delle altre culture, religiose e non, ma semplicemente la rinuncia alla propria cultura, cioè una volontà semplicemente suicida, foriera di effetti quasi certamente negativi.

Lo si è visto in tutte le realtà francesi, italiane, di altre nazioni, che hanno voluto ricorrere a tali metodi. Per motivi, non si sa bene, legati alla volontà di intercettare altre sensibilità o solamente per entrare in altri mercati.

Eugen Galasso

Subscribe to this RSS feed