estate

Ci affidiamo a Draghi.

La nomina (accettata con riserva) di Mario Draghi, illustre economista, ex presidente BCE, a Presidente del Consiglio, non era un"mistero", anzi era decisamente una sorta di "segreto di Pulcinella" o di "araba fenice"... Personalmente, ne avevo sentito parlare più volte,…

Esplorazioni ...

L'incarico esplorativo a Fico, che di per sé è una contradictio in adjecto (movimentista, e insieme Presidente della Camera), appare motivata dalla volontà decidere rapidamente, ma anche di prendere tempo, rispetto alla querelle, irrisolta tra Conte e Renzi.

Conte di nuovo in sella con un nuovo tipo di maggioranza?

In un articolo intitolato "Renzi è un leader senza coraggio che ha perso il treno della storia" ("La Verità" del 21 gennaio scorso) l'intellettuale di destra Marcello Veneziani si sofferma a commentare anche l'azione del Presidente del Consiglio e definisce…

Conte ter o Conte a casa?

Ora le dimissioni del Governo, in vista di un "Conte Ter": pessima soluzione, questa, anche perché si tratterà, in ogni caso, di un governo molto debole, decisamente più debole di questo, già in crisi, peraltro, da almeno due mesi (in…

Conte brancola

La "conversione" di"Giuseppì" Conte da sovranista-populista (fino all'estate del 2019, ai tempi della coalizione dei "Grillini" con Salvini) a europeista, antisovranista e antipopulista come si dichiara oggi mostra l'incapacità di una classe politica "nuova" ad affrontare, non solo i problemi…

Parte la crisi di governo

Dopo la conferenza stampa di Renzi, che annuncia le dimissioni delle sue due ministre e del sottosegretario Scalfarotto, sappiamo:

Il discorso di fine anno del Presidente Mattarella

Non so se sia un'osservazione opportuna, ma il messaggio del Presidente della Repubblica Mattarella a fine 2020, è apparso, non tanto "scontato" (ha trovato anzi anche formulazioni linguistiche opportune per dire varie cose) ma quasi "costretto",

Tra Parlamento e Governo, continuo gioco di equilibrii

Rileggendo un autore sconcertante, certo non sciocco, anzi in parte geniale, come il pratese Curzio Malaparte (Curt Erich Suckert, 1898-1957), scrittore di "Kaputt"; "La pelle", drammaturgo, dal posizionamento politico "Insituabile" (fascista, antifascista, alla fine quasi filocomunista), troviamo, in un testo…
Subscribe to this RSS feed