benetti

Referendum istituzionale: in scena anche il vecchio copione della "rottamazione"

Difficile districarsi nel"gurgite vasto" delle lotte anche intestine, per nulla ideali, tra gruppi di potere all'interno dei partiti, per il referendum "istituzionale", difficile scegliere "Sì" o "No", in quesiti che meriterebbero ben altro approfondimento (ci sono, però, le commissioni parlamentari, che avrebbero potuto svolgere, previamente, questo lavoro, in modo ben più approfondito...).

Limitandomi per ora al primo tema, assistere oggi alla riedizione, di una querelle di ormai più di tre anni fa, tra il "rottamatore" (ormai ex) Matteo Renzi e il "rottamando" (qualcuno dice rottamato) Massimo D'Alema è un fatto grottesco, anche perché sembra di rivivere, per chi se lo ricorda, lo scontro tra Valter Veltroni e il D'Alema d'antan, dove l'arroganza del secondo era rimarchevole, per dirla in modo blando. Gruppi di potere opposti, che si contendono più spazio. Null'altro... Peccato che tutto questo avvenga dietro le spalle di molte/i ignare/i cittadine/i, ma anche di militanti ingannati/e. Il tutto è grottesco, appunto, non merita altre definizioni.  

Eugen Galasso

Last modified onGiovedì, 13 Ottobre 2016 20:27

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.