Al Cedocs la presentazione del libro "Nativi americani" di Francesco Tono

Lunedi 23 settembre alle ore 18.30 presso CEDOCS (Corso Italia 13m), serata dedicata alla storia dei nativi americani. Sarà un viaggio per tutti coloro che vogliono avvicinarsi all’argomento in compagnia di Eugen Galasso, che recensirà il libro, e dell'attrice Maria Abram che leggerà alcune pagine tratte dal libro di Francesco TonoI nativi americani”, l’indimenticato interprete, cantautore ed attore bolzanino, scomparso nel 2018, dopo quasi cinquant’anni di esperienza musicale sulla piazza.

Lunedi sarà l'occasione per ricordare il nostro artista e per approfondire uno degli  argomenti più chiacchierati e meno conosciuti della storia moderna, colpa forse, anche dei tanti film che ritraevano gli “indiani d’America" attraverso stereotipi che oggi ci fanno sorridere ma che ormai hanno intaccato la visione comune.

Importante richiamare l’introduzione al libro scritta da Gianfranco Manfredi, che esalta il testo di Tono sottolineando quanto sia stata interessante “l’angolatura di Francesco, proponendosi non tanto e non solo come divulgatore della storia dei nativi americani, ma della loro realtà attuale, considerandoli non meramente come progenie di un popolo scomparso, ma come nostri contemporanei”.

Alcune pagine del libro "Nativi americani" verranno lette dall'attrice Maria Abram, mentre la presentazione del libro sarà affidata ad Eugen Galasso. Sarà presente in sala, e rivolgerà un saluto ai presenti, anche la moglie di Tono, Bruna Annovazzi.

La serata sarà ad accesso gratuito, tuttavia vi è un limite di posti: per questa ragione Cedocs invita tutti gli interessati a presentarsi con un certo anticipo presso la sua sede di Corso Italia 13M.

I partecipanti riceveranno in omaggio dal Cedocs una copia del libro (fino ad esaurimento della disponibilità).


Copyright immagini: pixabay.com

Conte ... "stai sereno" ...

Lo "scisma" di Matteo Renzi dal PD può voler dire varie cose: A) La volontà di ribadire la presenza cattolico-clericale nel PD, o favorendo l'uscita dei renziani dal PD o invece (più probabilmente) cercando di fare in modo che il partito si clericalizzi ancora di più (difficile, ormai, più "clericalizzato" di così...); B) indurre uno scossone politico complessivo, che privilegi i propositi di "modernizzazione" del "primo Renzi"(2013-2014), volendo "rottamare" etc.

A parte il fatto che i punti A e B non si escludono a vicenda, c'è ancora molto da dire e vedremo come e quando ciò che eventualmente "bolle in pentola" verrà fuori compiutamente. Non è possibile prevedere quali saranno le reazioni del governo e soprattutto come questa "minicrisi" del e nel PD potrà ripercuotersi sul governo. Da un lato Renzi rassicura lealtà al governo dove ha due Ministri e dei Sottosegretari, ma d'altro lato il presidente del consiglio "redivivo" e trasformista Conte è preoccupato, forse memore del famoso "Enrico, stai sereno" rivolto a suo tempo dal famoso "Matthew" a Enrico Letta...

Eugen Galasso

  • 0

20 anni di lavoro del nuovo Teatro Comunale di Bolzano

Per i 20 anni del "Nuovo Teatro Comunale", che ospita sia il Teatro Stabile di Bolzano che le VBB (vereinigte Buehne), nonché varie altre iniziative (l'Operetta, la stagione di Teatro Danza e tanto altro ancora) esce un opuscolo che rievoca i grandi passati dal teatro (ricordo con particolare piacere il grande Paolo Poli e il grande Nekrosius, purtroppo entrambi scomparsi). 

download sala

Il governo nuovo parte in mezzo a molte perplessità

Il governo parte male, con il fardello di proposte diversissime tra Conte-Di Maio (ma saranno poi una vera coppia all'interno dei "5 Stelle"?) da una parte e il PD (ma quale? quello di Renzi o quello di Zingaretti?) dall'altra.

  • 0

Andrea Papi, "Anarchismo in divenire"

Andrea Papi, teorico e militante libertario, da decenni critico verso la sua provenienza storica (l'anarchismo), non riesce, a mio parere, a rinunciare del tutto alla negazione dello Stato, che invece oggi rimane l'unico argine allo strapotere dei mercati, delle richieste tipo "Ce lo chiede l'Europa", oltre che, soprattutto in Italia, all'individualismo anomico dei cittadini, che, se non obbligati, non farebbero nulla per l'interesse generale.

  • 0
Subscribe to this RSS feed