Con Flavio Bucci scompare un attore di grande levatura

Attore abbastanza "maudit", certamente bravo, scompare prematuramente (ormai si può dire: non aveva ancora 73 anni) Flavio Bucci, che in tanti anni aveva recitato in varie pièces teatrali importanti, in particolare su testi di Pirandello, con la regia di Marco Missiroli, che il grande pubblico aveva apprezzato in televisione in produzioni originali TV come il famoso "Ligabue" del 1977, come anche "La Piovra" e vari altri telefilm.

Le sue capacità di attore lo hanno anche portato a lavorare nel cinema diretto da registi importanti, come Montaldo, Petri, Dario Argento. Tra le sue interpretazioni migliori "Maledetti vi amerò" (1980) con la regia di Marco Tullio Giordana.

Attore intenso e aduso alla "follia" anche nello spettacolo, di Bucci rimarrà un vulnus aperto per la perdita di un interprete "raro" e atipico come lui.

Eugen Galasso

Passato e futuro dei ghiacciai dell’Alto Adige. Alla sala Ortles la serata documentario con Pietro Bruschi e Roberto Dinale

Martedì 18 Febbraio 2020, dalle ore 20.15 presso la Sala Ortles del quartiere Don Bosco, il CEDOCS, in collaborazione con il CAB - Centro Audiovisivi della Provincia di Bolzano ed il Consiglio Circoscrizionale Don Bosco, rappresentato dal suo Presidente Alex Castellano, presentano una serata dedicata ai nostri ghiacciai.

L’Alto Adige sotto una coltre di ghiaccio”, questo il titolo del documentario di Alexander Werth, che sarà proiettato durante la serata, che darà poi spazio al dibattito con la partecipazione di due grandi esperti della materia, Pietro Bruschi del servizio glaciologico del Cai di Merano e Roberto Dinale, direttore dell’Ufficio di Idrologia e Dighe della Provincia di Bolzano.

mountains 2674345 1280

La serata di martedì sarà l’occasione per affrontare una tematica drammaticamente attuale, percepita ormai non più solo dagli scienziati e proposto dalle riviste specializzate, ma anche dai media e da vasti settori della popolazione locale, ossia il futuro dei nostri ghiacciai che – come ci racconta Pietro Bruschi del Cai – sono una risorsa idrica determinante di acqua dolce, una fonte fondamentale di vita, e che sono oggi in grande pericolo.

La storia del nostro territorio è incisa nel ghiaccio, che gli esperti possono recuperare e ricostruire fino a 900 mila anni fa. Al culmine delle ultime glaciazioni, 25 mila anni fa, l’attuale Alto Adige era coperto da una crosta ghiacciata spessa 2 chilometri. L’aspetto della nostra provincia era molto diverso, ma alcune tracce sono ancora evidenti. Il documentario che verrà proiettato, realizzato dal registaWerth, ci mostrerà bene quali, mentre Roberto Dinale ci racconterà la storia delle glaciazioni, con particolare attenzione alla nostra area, molto interessata (ancora oggi) al fenomeno.

I partecipanti alla serata, grazie al documentario ed all’apporto degli ospiti, si potranno rendere conto dell’importanza dei nostri ghiacciai ma avranno poi anche gli elementi per saper osservare i segnali del preoccupante cambiamento in atto in occasione delle loro passeggiate in alta montagna.

Appuntamento, quindi, alla serata organizzata dal CEDOCS e dalla Circoscrizione Don Bosco nella Sala Ortles (Piazzetta Anna Frank, 23) martedì18 Febbraio 2020, con inizio alle ore 20.15.

La ferrovia del Brennero: la storia, il presente e il futuro al Centro Trevi mercoledi 12 febbraio

Mercoledì 12 Febbraio 2020, dalle ore 18.00 presso il Centro Trevi, il CEDOCS presenterà la serata documentario “Ferrovia del Brennero” attraverso la proiezione del documentario messo a disposizione dal CAB - Centro Audiovisivi della Provincia di Bolzano, “Tecnica ingegneristica, la ferrovia” di Gerdt Staffler, e di un filmato esplicativo riguardante i lavori della galleria di base del Brennero curati da BBT SE che racconta il progetto e le fasi di realizzazione della nuova tratta ferroviaria sotterranea da Fortezza ad Innsbruck.

Ethical days, al Cedocs Angelo Carrillo parla dell’etica del cibo

Mercoledì 29 gennaio 2020, dalle ore 18.30 presso Cedocs - centro di formazione di Bolzano in corso Italia 30 - Angelo Carrillo presenterà la serata documentario “Ethical days”, dal titolo del cortometraggio realizzato da Yuri Massaro (che sarà proiettato in apertura dell’evento). La serata-documentario è organizzata dal Cedocs in collaborazione con il CAB - Centro Audiovisivi della Provincia e con l’Assessorato Cultura italiana.

Il documentario sarà lo spunto per cominciare a ragionare su un significativo cambiamento che sta interessando il modo di vivere di molte persone in un mondo dove il concetto di etica del cibo sta divenendo sempre più importante, anche grazie alla sensibilità diffusa per gli aspetti ecologici.

“Può una ricetta cambiare il mondo?” è il motto del filmato Ethical Days, che sarà presentato mercoledì prossimo al Cedocs da Angelo Carrillo, un grande esperto dei prodotti e della gastronomia altoatesina, editorialista del quotidiano Alto Adige ed ideatore dell’Itinerario “Slow Food dell’Alto Adige”.

insalata

Una presenza molto interessante che potrà guidare alla comprensione di un modo nuovo di cibarsi, ecologicamente equilibrato, economicamente interessante, positivo per la salute delle persone.

Il documentario racconta della visione di alcuni tra i più importanti chef di tutto il mondo che, riuniti in Alta Badia, hanno cercato di innescare nelle cucine di ogni cultura nuovi generi di ricette in linea con un pensiero etico, verde e biologico. Norbert Niederkofler, tra i protagonisti dell’evento, è il promotore della food-conference alla quale ha invitato i migliori chef del mondo per confrontarsi sui temi dell’etica e della sostenibilità a tavola.

Dopo la proiezione del documentario ci sarà un dibattito tra il pubblico ed Angelo Carrillo: si parlerà di cibo sano e del futuro di un’alimentazione ecosostenibile.

 

Appuntamento mercoledì 29 gennaio 2020, ore 18.30 al Cedocs (corso Italia 13M). Dato il numero di presenti previsti, meglio presentarsi per tempo.


Copyright immagini: pixabay.com

Il Monumento alla Vittoria raccontato da Giorgio Delle Donne

Mercoledì 11 dicembre, dalle 18.00 alle 20.00, al centro Trevi di via Cappuccini, si parlerà della storia del Monumento alla Vittoria, e in particolare della recente realizzazione nella cripta del monumento di un percorso museale sulla storia locale tra la fine della Prima Guerra Mondiale e la Seconda, attraverso la proiezione del documentario “Il nuovo Monumento alla Vittoria a Bolzano” di Klaus Romen.

La serata è organizzata dal Cedocs in collaborazione con il Centro Audiovisivi della Provincia dell’Assessorato Cultura italiana.

"Intrecci", culture nel piatto a Bolzano sabato 23 e domenica 24 novembre

Sabato 23 novembre al pomeriggio e domenica 24 alla mattina al Centro Trevi in via Cappuccini 28 a Bolzano ci sarà un interessante momento di confronto tra atteggiamenti e contaminazioni culturali, nella poesia, nell’arte pittorica, nella letteratura e, di particolare richiamo, nella pentola della cucina.
Si tratta dell’edizione del 2019 di “Intrecci”, curata da Adel Jabbar, organizzata da Cedocs con il sostegno della Provincia di Bolzano, Ripartizione Cultura italiana.

Teatro a San Giacomo domenica 17: (una) Regina

"Prossima fermata: teatro", torna domenica 17 novembre alle 17 con lo spettacolo "(una) Regina", proposto dal gruppo teatrale "Teatro Evento/Quinto Equilibrio", scritto da Stefania Ventura, che è in scena insieme con Gisella Vitrano.

Due bambine, in una giornata "uggiosa" si inventano un "escapismo" in un passato di regine, balli, d'un altro tempo.

Una tematica interessante, dove passato e presente, realtà e sogno si fondono, in qualche modo...

Le consuete agevolazioni valgono, per chi sia in possesso dei necessari requisti, id est biglietto gratuito sulla SASA etc.

Spettacolo per bambini, ragazzi, famiglie.

Eugen Galasso

Subscribe to this RSS feed